Crea sito

Il vincitore di 1 milione di euro è… Il bugiardo racconta frottole!

18 aprile, 2017 | | No Comment

Può un bugiardo guadagnare vagonate di soldi?

Può avere anche un ottimo lavoro?

E magari pure una promozione che non ti aspettavi proprio?

Certo che sì.

Ti premetto che non parlo di raggiri, truffe e quanto altro ancora di illegale. Sono il primo ad arrabbiarmi davanti a tutto questo.

Parlo di ben altro io. Parlo della qualità genuina e di gran valore che un bugiardo ha quando inizia a mentire.

Perché loro, i mentitori, hanno una particolarità che li contraddistingue dai sinceri:

Sanno raccontare storie.

Chiamate anche “frottole”.

Scopri il bugiardo che è in te

Da piccolo di bugie ne raccontavo. Sopratutto in famiglia, quando dovevo giustificarmi per una commissione non fatta, per aver rotto un’oggetto e altro ancora.

Oltre a questo dice un mucchio di bugie per ottenere quello che volevo (mangiare nutella, parliamoci chiaro).

All’epoca non ne ero consapevole, stavo adoperando delle tecniche avanzate di storytelling.

“Si, va bene, eri solo un moccioso paragnosta. Dillo che avevi paura di essere punito su.”

Beh… Certo che volevo farla franca. Ecco perché inventavo storie ben articolate e credibili, dovevo salvarmi dal pericolo…

…E mangiare la mia nutella fino a sporcarmi tutto.

Allo stesso modo funziona al lavoro.

Non ti dico che devi raccontare fandonie per raggirare gli altri, non fraintendermi adesso.

Quello che voglio dirti è di usare le stesse tattiche, da bugiardo mangia pane e nutella di nascosto, che da piccoli usavamo per creare storie credibili.

Il metodo è uguale, in tutto e per tutto.

Cambia solo l’obbiettivo.

Da piccolo:

«Non ho rotto io il vaso in porcellana, è entrato il gatto del vicino a cercare il tonno che gli abbiamo dato ieri»

«No no, la nutella non l’ho mangiata io perché ero a fare i compiti che hai visto poco fa, meglio comprarne un’altro barattolo…»

Da grande:

«No tesoro, non stavo guardando tua cugina, ma quella sua collanina. La trovo molto bella ed ho pensato che voglio regalartene una più luminosa.»

«Sì capo, lo so è un aumento del 15% dello stipendio a netto sulla busta paga e il punto non sono i soldi che le chiedo, bensì tornare a quando si era più produttivi in gruppo quando si stava più sereni.»

Quando ero un piccolo bugiardo la mia bugia preferita era: si è rotto da solo…

Antonio Alfiere.

www.antonioalfiere.com

Acquista adesso, reso garantito:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...