Crea sito

L’opinione di Ignota #8

12 gennaio, 2012 | | 2 Comments

Oppressione programmata

C’è crisi o non c’è crisi?

In questo senso ammetto di essere un totale ignorante. Prima ancora dell’apparizione dal nulla di questa parola, insieme al temuto spread (sconosciuto da sempre), io non ho mai sentito la crisi.
Perché di fondo son sempre stato dentro una crisi! Avendola vissuta per molto e molto tempo ne sono come vaccinato, infatti non né sento il peso, i danni sì però! Quelli li vedo ogni giorno su tutte le persone che incontro.
C’è chi si lamenta degli aumenti dei prezzi (da anni ormai), c’è chi si lamenta di aver perso il lavoro e chi di non averlo mai avuto, e c’è chi non si lamenta affatto ma è uscito pazzo.

Il punto comunque non è la crisi in sé, ma quel senso di “oppressione” che avverto:
E’ “oppressione” secondo me quando vengono imposte nuove tasse e nuovi aumenti in nome di una crisi creata da quelle stesse persone che cercano di salvarsi;
E’ “oppressione” pure quando molti e molti imprenditori non riescono ad onorare i loro debiti, stipendi compresi, perché gli vien tolta l’aria;
E’ “oppressione” oltretutto per me quando la gente normale accetta di fare qualsiasi lavoro, e ripeto qualsiasi lavoro, per non fare la fame dopo aver perso un lavoro più che dignitoso.

Questo comunque, come sempre, è solo un mio breve punto di vista considerare la crisi attuale non crisi ma un’oppressione programmata da poteri forti.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...